Overview generale sulla plastica

Questa sezione fornisce una panoramica globale della produzione di plastica, dei rifiuti e dell’inquinamento dei nostri oceani. I grafici sono progettati per fornire un riassunto della sfida posta dalla plastica per capire come affrontarla.

Un approfondimento di questo argomento può essere trovato al sito www.ourworldindata.com

Nel grafico qui sopra vediamo l’evoluzione della produzione annuale di plastica globale, misurata in tonnellate all’anno, dal 1950 fino al 2015. Nel 1950 il mondo aveva prodotto solo 2 milioni di tonnellate all’anno. Da allora, la produzione annuale è aumentata di quasi 200 volte, raggiungendo 381 milioni di tonnellate nel 2015. Per avere un paramentro di misura, questo è approssimativamente equivalente alla massa di due terzi della popolazione mondiale.

La breve recessione della produzione annuale nel 2009 e nel 2010 è stata principalmente il risultato della crisi finanziaria globale del 2008.


 

 

Nel grafico qui sopra vediamo l’allocazione della produzione di plastica per settore nel 2015.

L’imballaggio era l’uso dominante di materie plastiche primarie, con il 42% di plastica utilizzata. La costruzione era il secondo settore più grande che utilizzava il 19 % del totale. La produzione di plastica primaria non riflette direttamente la produzione di rifiuti di plastica poiché questo è influenzato anche dal tipo di polimero e dalla durata del prodotto finale.


 

Nel grafico qui sopra vediamo la produzione totale di rifiuti di plastica per paese, misurata in tonnellate all’anno. Questo tiene conto della generazione di rifiuti pro capite e della dimensione della popolazione. Questa stima è disponibile solo per l’anno 2010, ma come vedremo più avanti in questa voce, l’immagine globale relativa è simile nelle proiezioni al 2025.

Con la più grande popolazione, la Cina è al primo posto nella produzione di plastica, con quasi 60 milioni di tonnellate. Seguono gli Stati Uniti a 38 milioni, la Germania a 14,5 milioni e il Brasile a 12 milioni di tonnellate.

Si noti che queste cifre rappresentano la produzione totale di rifiuti plastici e non tengono conto delle differenze nella gestione dei rifiuti, nel riciclaggio o nell’incenerimento. Pertanto, non rappresentano la quantità di plastica a rischio di perdita per l’oceano o altri corsi d’acqua.


 

Nel grafico qui sopra vediamo il tasso pro capite di produzione di rifiuti plastici, misurato in chilogrammi per persona al giorno. Qui vediamo differenze dell’ordine di grandezza: i rifiuti di plastica pro capite giornalieri nei paesi più alti – Kuwait, Guyana, Germania, Paesi Bassi, Irlanda, Stati Uniti – sono più di dieci volte superiori a quelli di molti paesi come l’India, la Tanzania , Mozambico e Bangladesh.

Si noti che queste cifre rappresentano la produzione totale di rifiuti plastici e non tengono conto delle differenze nella gestione dei rifiuti, nel riciclaggio o nell’incenerimento. Pertanto, non rappresentano quantità di plastica a rischio per l’oceano o altri corsi d’acqua.


 

I rifiuti smaltiti in modo inadeguato sono quelli che vengono intenzionalmente gestiti attraverso i siti di raccolta o stoccaggio dei rifiuti, ma alla fine non sono gestiti in modo regolare o sufficiente. Ciò include lo smaltimento in discariche o discariche aperte e incontrollate; questo significa che il materiale non è gestito regolarmente e può finire per disperdersi nell’ambiente circostante. Ciò lo rende a rischio di dispersione nell’ambiente naturale o negli oceani attraverso corsi d’acqua, venti e maree.

Vediamo differenze molto grandi nell’efficacia della gestione dei rifiuti in tutto il mondo: i paesi ad alto reddito, tra cui la maggior parte dell’Europa, il Nord America, l’Australia, la Nuova Zelanda, il Giappone e la Corea del Sud dispongono di infrastrutture e sistemi di gestione dei rifiuti molto efficaci; ciò significa che i rifiuti di plastica abbandonati (anche quelli che non sono riciclati o inceneriti) sono raccolti in discariche chiuse e sicure. In tutti questi paesi, quasi nessuno spreco di plastica è considerato gestito in modo inadeguato.

Si noti che questo non significa che non ci sia plastica a rischio di entrare nell’ambiente naturale. In molti paesi a reddito medio-basso, i rifiuti inadeguatamente smaltiti possono essere alti; in molti paesi dell’Asia meridionale e dell’Africa sub-sahariana, tra l’80 e il 90 % dei rifiuti di plastica non viene smaltito in modo adeguato, e quindi a rischio di inquinare fiumi e oceani. Ciò si riflette fortemente nella distribuzione globale dei rifiuti gestiti male e degli input dai sistemi fluviali.


 

Nel grafico qui sopra vediamo la quota di rifiuti plastici globali che vengono gettati via, riciclati o inceneriti dal 1980 al 2015. Prima del 1980, il riciclaggio e l’incenerimento della plastica erano trascurabili; Il 100 % era finito in discarica. Dal 1980 per l’incenerimento e nel 1990 per il riciclaggio, le cifre sono aumentate in media di circa lo 0,7 % all’anno. Nel 2015, è finito in discarica il 55% dei rifiuti plastici globali, il 25% è stato incenerito e il 20% riciclato.

Se estrapoliamo le tendenze storiche fino al 2050 – come si può vedere nel grafico qui – entro il 2050, i tassi di incenerimento aumenterebbero fino al 50%; quelli del riciclaggio al 44 percento; e i rifiuti inviati in discarica scenderebbero al 6%. Tuttavia, si noti che questo si basa sull’estrapolazione semplicistica delle tendenze storiche e non rappresenta proiezioni concrete.


 

Nel grafico qui sopra vediamo la quantirà di plastica immessa nei corsi d’acqua verso l’oceano aggregati per regione – questo è dato come una quota del totale globale. Qui vediamo un chiaro predominio dell’immissione di plastica dei fiumi asiatici, che rappresenta l’86% del totale globale. Seguono l’Africa al 7,8% e il Sud America al 4,8%. Collettivamente, l’America Centrale e del Nord, l’Europa e la regione del Pacifico rappresentano poco più dell’1% del totale mondiale.


 

La plastica entra negli oceani dalle coste, fiumi e maree. Ma una volta lì, dove va?

La distribuzione e l’accumulazione delle materie plastiche oceaniche sono fortemente influenzate dalle correnti superficiali oceaniche e dal vento. Le materie plastiche sono in genere galleggianti, ovvero galleggiano sulla superficie dell’oceano, consentendo loro di essere trasportate dal vento e dalle correnti di superficie. Di conseguenza, le materie plastiche tendono ad accumularsi nelle rotte oceaniche, con alte concentrazioni di plastica al centro dei bacini oceanici e molto meno intorno ai perimetri. Dopo l’ingresso negli oceani dalle regioni costiere, le materie plastiche tendono a migrare verso il centro dei bacini oceanici.


 

 - 10 Rivers 1 Ocean

Si stima che ci siano più di 5 trilioni di particelle di plastica sulla superficie delle acque di tutto il mondo. Qui possiamo vedere questa ripartizione delle particelle di plastica negli oceani. L’accumulo di un gran numero di particelle è il risultto della frammentazione di plastiche più grandi.

La figura sopra riassume le materie plastiche nelle acque superficiali dell’oceano. Questo è dimostrato dalla dimensione delle particelle in termini di massa (a sinistra) e numero di particelle (a destra). Come mostrato, la massa è composta prevalentemente da materie plastiche di grandi dimensioni (macroplastici), mentre la maggior numero di particelle è costituita da microplastiche (piccole particelle).


 

 - 10 Rivers 1 Ocean

L’esempio più noto di grandi accumuli di plastica nelle acque superficiali è il cosiddetto “Great Pacific Garbage Patch” (GPGP) che si trova nel Pacifico settentrionale. Ciò risulta dall’impatto combinato di grandi input di plastica costieri nella regione, accanto all’intensa attività di pesca nell’oceano Pacifico.

In uno studio pubblicato sulla rivista Nature, Lebreton et al. (2018) ha tentato di quantificare le caratteristiche del GPGP. La stragrande maggioranza del materiale GPGP è la plastica: le reti a strascico contano circa il 99,9 percento di tutti i detriti galleggianti. Gli autori stimano che la GPGP abbia un’area 1,6 milioni di km2. Questo è poco più di tre volte l’area della Spagna, e leggermente più grande dell’Alaska (il più grande stato degli Stati Uniti). Il GPGP comprende 1,8 trilioni di pezzi di plastica, con una massa più di 80.000 tonnellate (circa il 29% delle 269.000 tonnellate negli oceani di superficie del mondo). Negli ultimi decenni, gli autori riportano che c’è stato un aumento esponenziale della concentrazione di plastica superficiale nel GPGP.

Nella tabella qui sopra vediamo la composizione stimata della plastica GPGP. Circa il 52% delle materie plastiche proviene dall’attività di pesca e include lenze da pesca, reti e corde; un ulteriore 47 % proviene da materie plastiche, fogli e pellicole rigide; e i restanti componenti sono piccoli in confronto (appena sotto l’1%). Il predominio di lenze da pesca, reti, plastiche dure e pellicole significa che la maggior parte della massa nel GPGP aveva una granulometria di grandi dimensioni (meso- e macroplastici).